Club Collezionisti Capsule
 ◄◄  ◄  ►►  ► 
NOVEMBRE 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
Verona
Data :  24 novembre 2017
25
Verona
Data :  25 novembre 2017
26
Verona
Data :  26 novembre 2017
27
28
29
30

Questo sito web usa i cookie

Cliccando su Approvo o continuando la navigazione nel sito acconsenti all’uso di questi cookies. Per saperne di piu'

Approvo

Storia del Club: 2004

Logo CCC 2004

Nuovo logo per il Club!

Il logo del Club è diventato leggermente anonimo, visto anche il numero degli iscritti in crescente aumento, e si decide di dargli maggior visibilità con l’inserimento della denominazione.

Il 2004 inizia senza grandi sconvolgimenti. Il Club ormai ha degli appuntamenti fissi, e così si svolgono gli incontri di Verona (Maggio e Novembre), Reggiolo, Riccione, Canelli e Roma.

Per il quarto anno consecutivo (13 Giugno 2004), una folta schiera di Soci, provenienti da molte regioni d’Italia, ha partecipato entusiasticamente alla manifestazione “Barmania” a Reggiolo, purtroppo condizionata dal maltempo. Con tutto ciò il risultato è da considerarsi positivo, gli scambi sono stati numerosi e di ottimo livello qualitativo. Il C.C.C. ringrazia Giorgio Petocchi, ideatore e promotore di Barmania, che, ancora una volta dando prova delle sue eccellenti doti umane ed organizzative, ha offerto cibo e bevande ai partecipanti, allestito gli spazi espositivi e come sempre si è adoperato per l’ottima riuscita del simpatico simposio.

La Banda musicale di Canelli
Il Corpo Musicale di Canelli

Il 25 e 26 Settembre 2004 si è svolta a Canelli la “II Mostra di Capsule”, nell’ambito della manifestazione “Canelli Città del Vino”. L’esposizione si è tenuta nella prestigiosa pinacoteca della Foresteria Bosca, gentilmente offerta dalla proprietà al C.C.C. La suggestiva cornice architettonica ha contribuito a valorizzare ed a determinare significativamente il successo.

Nello splendido cortile di Casa Bosca sono transitate migliaia di persone attirate dalle famose cantine storiche, denominate Cattedrali Sotterranee, e dalle specialità eno-gastronomiche proposte dalle Regioni ospitate.

Ad accrescere la festosità del luogo sono state le soste in cortile dei carri trainati da cavalli e guidati dai “Cartunè” (carrettieri) vestiti con abiti dell’epoca e dalla Banda Musicale locale che ha intonato musiche e marce.

Molto ammirate le creazioni del nostro Socio Paolo Pasqualini, impareggiabile artista/inventore che si diletta a realizzare capsule con lamierini pubblicitari e con queste dà vita a quadri con effetti cromatici di grande effetto.

Capsule pubblicitarie

Collateralmente alla nostra mostra, in ambiente limitrofo, due collezionisti canellesi (i signori Lajolo e Trabano) hanno allestito una garbata ed elegante esposizione di etichette dal titolo “Enologia d’Altri Tempi”.

Molta parte del merito dell’ottima riuscita della manifestazione è da ascrivere al fattivo contributo ed al supporto organizzativo del Servizio Manifestazioni del Comune di Canelli (al Sig. Bobbio ed alle sue Collaboratrici) ed all’impareggiabile apporto operativo, grafico ed artistico di Gian Franco Ferrero, nominato Socio Onorario, persona che ha fatto conoscere il C.C.C. a Canelli.

Il 22 Ottobre, il Sindaco di Canelli, Pier Giuseppe Dus, invita il Socio Elia Rustignoli, responsabile e coordinatore per il Piemonte del nostro Club, a presenziare alla consegna di una pergamena con rappresentate le chiavi della città di Canelli ringraziando il Club Collezionisti Capsule della collaborazione, la divulgazione, la promozione con cui ha portato avanti in questi anni varie iniziative nella regione.

Bottiglie e capsule a Gonzaga
Bottiglie e capsule in mostra a Gonzaga

Il mese di Ottobre, però, ci riserva una nuova e simpatica sorpresa!!!

Da Reggiolo a Gonzaga.

Giorgio Petocchi, più ostinato che mai, non si è dato pace per la manifestazione di Giugno dove ha imperversato il maltempo e, con l’aiuto del suo Staff, il 13 e 14 Novembre 2004 ha aperto le porte della “Fiera Millenaria di Gonzaga” organizzando un incontro che è risultato un piccolo capolavoro. Per i collezionisti non è solo occasione di scambio, è anche spettacolo perché l’evento ha la capacità di calamitare l’attenzione e di coinvolgere emotivamente tutti, anche i visitatori. Questo avviene perché molti degli oggetti esposti hanno la patina del tempo e sono in grado di evocare ricordi, coinvolgere pensieri che a loro volta possono produrre scampoli di nostalgia.